EidosTeatro-  Lavoro del teatro sulle forme del rappresentare scenico partendo dal luogo, dalla casa dell'immagine, la oikos dell'espressione.

 

Esplorare lo spazio tramite un corpo che muove l'azione e trascina fuori e dentro i paragrafi della grammatica visivo-segnica.

 

Giocando a scavalcare, tracimando le cose da un misero senso verso un'estetica del segno olografico, portatore di tutte le cose.

 

Teatro Olografico- in sé tutto è definito ed ogni sua più piccola parte contiene dentro tutto il mondo esterno.


Regista e formatore deella Compagnia è Alan Mauro Vai, un giovane teatrante professionista di 31 anni.

Di seguito il suo CV. 

 

 

Eidos Teatro

Forme di Indipendenza Teatrale

 

 

 ALAN MAURO VAI

Diplomato alla Scuola Professionale d'Arte Teatrale (SAT) di Teatranza Artedrama a Torino nel 2006, ha lavorato come attore a Milano, Roma e Perugia, con la Compagnia Gabriele Lavia, il Teatro Stabile dell'Umbria, la Societas Raffaello Sanzio e il Teatro Mohole, e si è formato con grandi maestri quali Tage Larsen (ODIN TEATRET), Mario Biagini (WORKCENTER di Pontedera) Mamadou Dioume (attore storico di Peter Brook), Naira Gonzalez e Chiara Guidi (Societas Raffaello Sanzio), Cesar Brie, Danio Manfredini, Massimiliano Civica, affiancando al lavoro attoriale quello registico e di pedagogia teatrale. Da 6 anni è regista e drammaturgo della compagnia Eidos Teatro di Torino, con la quale ha realizzato gli spettacoli Odio l'odio, amo l'amore ma preferisco l'odio (2010), Anna Cappelli (2011), Io sto bene qui (2012), STAR – siamotuttiallaricerca (2013) e “Sarah e Luca – An Entropic Love Story” (2014)